Gadget

Il gadget è un omaggio, allegato a un prodotto. Affine al gadget è il gift, un oggetto offerto da un’azienda per premiare la fedeltà dell’acquirente o per incentivare le vendite. Nel campo del turismo, la funzione dei gadget presenta elementi di differenziazione rispetto ai gadget offerti in altri settori commerciali.

Se infatti un gadget viene allegato a una quotidiano, a merendine o a detersivi, esso avrà come scopo principale quello di produrre nella mente del consumatore un fattore di richiamo e di indirizzo verso quel prodotto oppure, per i gadget più riusciti, si potrà stimolare una voglia di collezionismo.

Il gadget turistico si caratterizza sia come componente identificativa e riconoscitiva del prodotto offerto, sia come “simbolo” da ostentare durante il soggiorno, ma anche quando si fa ritorno alla dimora abituale.

Può avere una duplice funzione: una di carattere pratico (ad esempio, nel momento in cui un gruppo si raduna nel check-in di un aeroporto, l’accompagnatore può agevolmente riconoscere i partecipanti dal fatto che questi indossano il cappellino del Tour Operator o portano con loro lo zainetto dell’organizzazione) e una di carattere squisitamente comunicativo, come stimolo ai rapporti di interazione con gli altri durante il periodo di vacanza (possedere la stessa t-shirt o la stessa sacca regalata da un Tour Operator permette di installare un reticolo di complicità e di riconoscimento, dando modo a chi possiede il gadget di sentirsi parte di un gruppo che vive una situazione eccezionale).

Il kit, riferito a convegni o meeting, è una borsa, valigetta o semplice cartella contenente tutti i materiali relativi a un congresso: può contenere il programma, un blocco per gli appunti, penna, comunicati stampa, eventuali pass per le varie manifestazioni interne congressuali o per la partecipazione ad eventi, dépliant ecc.

I convegnisti ricevono il kit generalmente al banco di registrazione, i relatori e i Vip lo trovano normalmente nelle camere dell’albergo, quasi sempre insieme ad altri oggetti che esprimono un messaggio di accoglienza.
Il kit ricevuto dai partecipanti ad una vacanza, conterrà buoni per usufruire di servizi dislocati nella meta del soggiorno, cartine e dépliant, agevolazioni per mostre, spettacoli, rassegne.

Nel kit di promozione turistica, spesso denominato “pass”, saranno forniti strumenti utili al turista nel corso del soggiorno e il più delle volte avrà la forma di una cartellina, di una borsa o di un busta plastificata e riporterà il logo della struttura o la riproduzione del claim della rassegna.

Un’evoluzione della pass è data dalla “card”, oggi molto in voga soprattutto per facilitare all’ospite di una località la fruizione di determinati servizi ed occasioni a prezzo scontato la card comunica un senso di globalità del soggiorno e, nello stesso tempo,di integrazione delle offerte territoriali ma, a differenza del kit contiene una serie di biglietti per accessi gratuiti o ingressi a prezzo scontato, si esaurisce (scade) con la fine del soggiorno, mentre i cartoncini contenuti nella pass, se non utilizzati tutti, possono assumere il valore comunicativo dei souvenir: essere conservati o donati a persone che diventeranno potenziali ospiti di quella località.

Voci correlate

Saremo lieti di leggere i tuoi pensieri :-)

Lascia un commento